Scuola Agraria del Parco di Monza riparte con un nuovo corso per giardinieri

“Divido la mia giornata tra lo studio e il lavoro in giardino”, così il premo Nobel Herman Hesse, poeta e giardiniere era solito confessare ai suoi lettori.

E così la Scuola Agraria del Parco di Monza ripensa un modo nuovo di organizzare la formazione per giardinieri in erba o giardinieri già attivi che hanno necessità di specializzazioni in questi mesi successivi all’emergenza Covid-19.

In realtà l’idea progettuale nasce dalle riflessioni condivise tra gli esperti del tavolo tecnico afferente a ReGiS – Rete dei Giardini Storici – che nel suo primo decennio di attività ha raccolto i bisogni espressi da un mondo non tanto invisibile come il vasto patrimonio di parchi e giardini storici presente in Italia e soprattutto in Lombardia.

Ora è arrivato il momento di partire, tuttavia, sappiamo che non basta un titolo di studio, se pur basilare per intraprendere o per operare in un contesto lavorativo, o la sola passione, se pur utile per superare gli sforzi delle difficoltà insite nel Giardinaggio.

E’ necessario continuare ad allenarsi. Soprattutto nel mestiere d’arte del Giardiniere che convive ogni giorno con dinamiche nuove dettate dalle variazioni naturali, climatiche, ed antropiche, e oggi anche pandemiche, e ha bisogno di acquisire il metodo del lavoro di squadra, particolarmente ricercato se si diversifica per competenze e se occorre lavorare contemporaneamente con architetti, progettisti, urbanisti, agronomi, e amministratori pubblici o proprietari privati.

Il nuovo Corso per Esperto di giardini e parchi storici avrà inizio nei prossimi mesi estivi con lezioni a distanza per 15 corsisti, guidati da docenti universitari, tecnici, architetti e agronomi, e con esercitazioni pratiche principalmente nel parco di Monza che offre grandi spazi di lavoro anche con le necessarie distanze di sicurezza.

La Scuola propone la formazione a moduli, per aggiungere a questa specializzazione da acquisire con la frequenza di 140 ore, altre certificazioni, tra queste la prioritaria abilitazione del Manutentore del Verde della durata di 180 ore (attestato normato a livello Nazionale -L.154/2016, art. 12, e regionale -Quadro Regionale degli Standard Professionali), il percorso Tree climbing (40 ore), l’utilizzo della piattaforma elevabile (PLE 8 ore), e non per ultimo per l’importanza tecnica di un modulo con esperti di Potature di alberi e arbusti (20 ore).

Le competenze inerenti la Manutenzione del verde sono garantite dalle materie di base come, Botanica e Fisiologia vegetale, Agronomia e Pedologia, Fitopatologia e difesa del giardino, Cura macchine e attrezzature, Tecniche di giardinaggio, Piantagione e trapianti, Normativa sfalci, smaltimento e recupero materiali di risulta.

Al futuro Esperto di giardini e parchi storici saranno proposte lezioni di studio della salvaguardia e conservazione dei giardini storici, il rilievo architettonico, la botanica del giardino storico, le normative paesaggistiche, budgeting e analisi costi, il piano di gestione e manutenzione e i principi di valorizzazione e comunicazione.

Vi invitiamo il 29 giugno ore 10.30 per l’open day online. Per dettagli (conferma a segreteriacorsi@monzaflora.it o 329.1016843 per ricevere il link e partecipare)

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *