Il Patentino europeo: come conseguirlo e perché

In Italia, ad oggi, non è necessario avere un riconoscimento ufficiale per poter operare nel settore forestale. Tuttavia, avere una giusta formazione per poter lavorare in modo corretto e soprattutto in sicurezza è molto importante. Oltre alla possibilità di evitare danni a persone e/o cose, il Patentino europeo è indispensabile per tutte le persone che vogliono lavorare all’estero. La possibilità di muoversi e uscire dal proprio Paese offre un’opportunità di crescita per gli operatori del settore. Il Patentino diventa così obbligatorio in alcuni Paesi del UE e estremamente utile al fine di evitare, per quanto possibile, gli incidenti sul lavoro e avere un personale sempre più qualificato.

STIHL MS 500i

Dalla necessità di condividere, a livello Europa, una formazione e certificazione correlata che siano univoche, è nato nel 2011 l’Efesc – European Forestry and Environmental Skills Council (http://www.europeanchainsaw.eu). Il suo obiettivo è qualificare il personale addette alla manutenzione del verde per poter salvaguardare le foreste che rappresentano da sempre un patrimonio inestimabile. Ecco che l’Efesc diventa così un punto di riferimento che permette la mobilità degli operatori forestali al di fuori dei confini del proprio Stato. Sempre con lo stesso obiettivo nasce l’ECC – European Chainsaw Certificate (Patentino Europeo per la motosega) – dove standard comuni definiscono in maniera uniforme le competenze che un operatore dovrebbe avere.

MS 261 CM-E
STIHL MS 261 CM-E

Anche se in Italia non è ancora divenuto obbligatorio possedere questo certificato, la formazione diventa indispensabile per garantire un vantaggio a tutte le aziende che possono così iscriversi ad albi e/o concorsi pubblici. A tal proposito nel 2013 nasce l’Agenzia italiana di Efesc (http://www.efesc.it/) per dare la possibilità anche agli operatori forestali italiani di conseguire il Patentino. La certificazione ECC, che ad oggi rimane di carattere volontario nel nostro Paese, è interessante per tutti gli studenti di scuole agrarie e lavoratori del settore forestali.

Il Patentino della motosega è diviso in 4 livelli di competenza:

– European Chainsaw Standard 1: manutenzione della motosega e tecniche di taglio ispettivo del legno

– European Chainsaw Standard 2: tecniche base di taglio

– European Chainsaw Standard 3: tecniche avanzate di taglio

– European Chainsaw Standard 4: tecniche di taglio per alberi schiantati e danneggiati.

Gli esaminatori (assessor) hanno il compito di verificare che l’operatore abbia acquisito le regole per lavorare in sicurezza.

STIHL sostiene da sempre la formazione e vi invita a consultare il sito www.efesc.it per ottenere maggiori informazioni.

3 commenti su a “Il Patentino europeo: come conseguirlo e perché

  1. Complimenti! un post interessante e completo sarebbe opportuno continuare con molti altri approfondimenti sull’argomento, magari inserendo alcuni suggerimenti sull’utilizzo delle motoseghe..

  2. Melissa Ronco dice:

    Grazie Riccardo per il commento. Sul link presente nell’articolo troverai tutte le informazioni.

I commenti sono chiusi.